lunedì 18 febbraio 2013

Torta Chiffon di sciroppo d'acero e noci pecan


Oggi torno dopo considerevole tempo con un'altra ricetta dal libro Vintage Cakes di Julie Richardson...un libro che ormai é diventato un riferimento fisso nella mia cucina, ed é giá stato pluribattezzato con macchie di cioccolato e untuositá varie.



Come spiega l'autrice, secondo la terminologia Americana, la caratteristica delle chiffon cakes é quella di contenere olio anziché burro nel loro impasto. L’origine di questa ricetta risale al 1920 e al suo inventore Harry Baker, un assicuratore di Los Angeles, cuoco a tempo perso. Nel 1940 egli vendette la ricetta alla General Mills, dove Betty Crocker rese famose le chiffon-cakes come le “la prima novitá in fatto di torte in centinaia di anni”. Personalmente non sono cosí convinta che sia una torta cosí estremamente rivoluzionaria...ma che importanza ha? Resta comunque una torta sofficissima e gustosissima...da 10 e lode!

L'idea del cucchiaino l'ho presa da Kiara di "La pancia del lupo"...very inspiring!

MAPLE PECAN CHIFFON CAKE

2 tazze e ¼ (340 gr) di farina setacciata
2 cucchiaini (16 gr) di lievito
1 cucchiaino di sale fino
¾ di tazza (180 gr) di zucchero di canna
6 tuorli d’uovo
½ tazza (120 ml) di olio di girasole
½ tazza (120 ml) di sciroppo d’acero
¼ di tazza (60 ml) di acqua
1 cucchiaio (15 ml) di estratto di vaniglia
8 chiare d’uovo a temperatura ambiente
½ cucchianio (4 gr) di cremor tartaro
½ tazza (120 gr) di zucchero semolato
½ tazza (120 gr) di noci Pecan tostate e finemente triturate


In una grande ciotola mescolare a mano la farina, il lievito, il sale e lo zucchero di canna. In un recipiente piú piccolo lavorare insieme i tuorli, l’olio, lo sciroppo d’acero, l’acqua e la vaniglia. Aggiungere gli ingredienti liquidi alla mix di farina e incorporarli appena con una spatola (evitare di sbattere troppo la preparazione).
Con l’aiuto delle fruste elettriche (o con uno stand mixer con l’accessorio frusta) montare la chiare a velocitá media finché non saranno appena spumose. Aggiungere il cremor tartaro e lavorare a velocitá alta finché non si formeranno delle creste soffici. Diminuire la velocitá e aggiungere gradualmente lo zucchero semolato infine aumentare di nuovo la velocitá e montare finché le chiare a neve non saranno ben ferme e brillanti. Incorporare un terzo delle chiare all’impasto precedentemente preparato con il minor numero di colpi di spatola possibili, per non smontare le chiare a neve. Con la stessa precauzione, aggiungere le rimanenti chiare. Aggiungere le noci Pecan durante gli ultimi colpi di spatola. Versare il preparato in una tortiera dal fondo foderato di carta da forno ( l’ideale sarebbe una grande tortiera a ciambella, simile alle forme per Angel Food americane, ma io non l’avevo ed ho usato una normale tortiera rotonda) e cuocere per circa 50 -55 minuti. Una volta che la torta sará pronta bisogna farla raffreddare a testa in giú (eh si! Le forme per Angel Food hanno dei piedini appositi che permettono questa operazione…In sua mancanza, se abbiamo usato una tortiera a ciambella possiamo capovolgerla su di una tazza, o nel mio caso ho capovolto la normale torta rotonda su di una fitta griglia). Questo trucco serve a non far abbassare la torta al centro durante il raffreddamento. Una volta che sará fredda rimuoviamo la torta dalla forma passando un coltello lungo i bordi e dando dei piccoli colpi sul fondo. Io desideravo una torta gustosa ma semplice per fare colazione quindi ho preferito decorarla semplicemente con dello zucchero a velo (ed era straordinariamente profumata e gustosa giá cosí) ma per i piú golosi la ricetta consiglia di ricoprirla con del Brown Butter Icing.



Che dire, é piú facile scivolare fuori dal caldo piumone la mattina, se per colazione ti aspetta una torta cosí! Besos e a presto!
Sara

14 commenti:

  1. Squisitissima! Otra, otra, otra! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi amor! Forse é il caso che esci dalla mia sessione sennó sembra che mi commento i post da sola! ;) jejeje Dolce che sei!!!

      Elimina
  2. Per un attimo ho creduto che tu avessi una doppia personalità!!!!!!!! ;)
    Deve essere squisita questa torta........
    ed ho letto molto volentieri la storia di questo cake!!!
    Ho appena pubblicato la ricetta del quattro quarti, spiegandone la storia ed i vari nomi.....
    anche i dolci hanno una storia!
    ^ _ ^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe é l'effetto dell'eccesso di zucchero nel sangue! Mi sono persa la storia del quattro quarti...vado subito a recuperare...oppure ci mando il mio doppio?!? ahaha! baci!

      Elimina
  3. Che belle tutte le tue torte!! Mi sono aggiunta ai tuoi follower, ti seguo con piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, benvenuta! Ricambio subito la visita! Bacione!

      Elimina
  4. questa torta dev'essere supermegaultrasquisitissima!!! adoro sia lo sciroppo d'acero che le noci pecan!
    bello il tuo blog, dopo averlo scoperto casualmente sono venuta a curiosare tra le tue ricette, tutte molto interessanti e golose, complimenti!
    passa anche da me se ti va ;)

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela benvenuta! Ricambio volentieri la visita....vadoooo!!! :)

      Elimina
  5. Che bella questa torta!!!Deve essere una vera delizia e grazie per le info!
    Angelica

    RispondiElimina
  6. COMPLIMENTI ricette deliziose tutte da provare....
    TI SEGUO PASSA NELLA MIA CUCINA SE TI Và :-)http://assaggi-incucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Karina grazie per la visita e per i complimenti...passo a trovarti molto volentieri!

      Elimina